Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

para 1

E finalmente è arrivato il giorno che tutti aspettavamo. Domenca 24 settembre Bari ha ospitato la finale nazionale del circuito Paratriathlon , IPS. Sulla distanza sprint una ventina di parathleti suddivisi nelle varie categorie, hanno gareggiato nella prima edizione del Paratriathlon denominato Bari Zerobarriere , promosso dalla cooperativa Zerobarriere guidata dall'infaticabile  Marco Livrea.  Sede della gara la spiaggia dei baresi, ossia il lido di Pane e Pomodoro , alle porte della città.

Ma non solo paratriathlon, dato che la gara è stata preceduta da una gara di Triathlon Sprint rank, valida quale campionato regionale sulla distanza sprint. Entrambe le manifestazioni sono nate dalla collaborazione fra Zerobarriere ed il Centro Universitario Sportivo di Bari,  grazie al lavoro del suo Presidente Seccia, e del suo referente Ignazio Costanza.

Il progetto della gara nato due anni fa, si è concretizzato nei fatti anche grazie al valido sostegno dato dall'amministrazione comunale di Bari che ha creduto subito in questa idea.

«Questo è un sogno che si avvera – ha detto  Marco Livrea – dopo due anni di lavoro e l'impegno di tante persone coinvolte siamo riusciti a far conoscere questo tipo di manifestazioni ad una città come Bari. Tutto questo ci premia per i sacrifici fatti. Atleti e paratriatleti insieme, per un unico traguardo, una bellissima soddisfazione. ringrazio l'amministrazione comunale, che ci ha dato un'assistenza tecnica notevole, realizzando 14 nuovi scivoli e rampe nell'area interessata, riasfaltando il tratto di strada interessato dal percorso per renderlo liscio e percorribile, e reso accessibili ai paratleti tutti i servizi igienici. un personale plauso al Cus Bari che da subito ha accettato la mia proposta e si è reso disponibile, organizzando tutta la parte tecnico sportiva dell'evento»

zero barriere 2

Ma veniamo alle gare.
Alla gara di triathlon sprint hanno preso parte 140 atleti, in gra parte pugliesi, anche se la presenza campana è stata significativa . A vincere la prova è stato Emanuele Faraco della Ermes Campania, che col tempo di 1h5'22" ha superato Giovanni Curridori, atleta sardo in forza alla Nadir on the Road  (1h 7'27"), mentre terzo e primo dei pugliesi è stato Marcello Roncone della Otrè in 1h 8'14".

Condizioni meteo pressocchè perfette. Mare completamente piatto, totale assenza di vento e cielo leggermente velato, temperatura sui 25 c. 

Percorso a triangolo nel nuoto, perfettamente vigilato dai mezzi in acqua con l'aiuto dei cani della Scuola di salvamento. 

Escono primi dall'acqua Faraco e Mario Fimiani dell'Acqua chiara, più in dietro Marco Selicato (Otre); Curridori e Roncone.

Faraco ha letteralemte dominato la competizione , segnando il miglior tempo a nuoto, e soprattutto il miglior parziale in bici, cambiando in T2 con oltre due minuti di vantaggio sul diretto inseguitore Mario Fimiani . Una gara in solitaria la sua, che ha condotto in testa sin dall'inizio. 

rizzi e fimiani

Percorso veloce, completamente chiuso al traffico di 10 km da ripetere due volte. Dopo la T2 dietro Faraco e Fimiani, cambiavano quasi insieme Curridori, Nicola Micunco (Nadir); Ivano Antelmi (CUS Bari) e Roncone. 
Nella frazione podistica si decideva la gara maschile almeno per il podio. Fimiani crollava, mentre risalivano di posizoni Curridori e Marcello Roncone. Da sottolineare la buona prova podistica di Ciro Borrelli , Junior in forza alla Cannottieri Napoli, che segnava il miglior parziale a piedi  risalendo alla settima posizione. Spettacolare il percorso, sul lungomare cittadino, con un colpo d'occhio splendido.

tria prem maschile

Nella gara femminile la vittoria è andata a Maria Grazia Rizzi della MSL di Lecce, una giovane atleta alla sua prima gara di triathlon. che ha vinto grazie alle migliori doti podistiche.davanti a Valentina Sanfelice di Bagnoli della CCN e ad Alessia Bechi del Cus Bari.

rizzi

 

Quest'ultima prima dall'acqua, davanti di pochi secondi a Valentina, perdeva la leadership della gara nella frazione ciclistica  a favore di Valentina, che cambiava in T2 con un margine di 4'33" sulla Rizzi, che forte delle sue leve, recuperava man mano posizioni superando prima Sabrina Manco della Nest, autrice del miglior tempo in bici, poi Alessia Bechi, ed infine VAlentina Sanfelice, concludendo la prova in 1h 21'12" .Se Maria Grazia migliorerà nelle altre frazioni potrà sicuramente fare passi avanti notevoli nel nostro sport.

tri prem femminile


La gara di triathlon sprint ha assegnato i titoli regionali di specilalità che sono andati a :

S1 Davide Mannese e Alessia Bechi CUS Bari -  S2 Giuseppe Rasola  All Tri Sports  - S3 Marcello Roncone (Otre) e Maria Grazia Rizzi (MSL) e- S4 Giovanni Curridori (Nadir ) e Sabrina MAnco (Nest)  - M1 Giuseppe Castellaneta (Nadir) e Francesca Lubelli (MSL) - M2 NIcola Micunco e Maria Goffredo (Nadir) - M3 Michele Antonacci (Triathlon Taranto)- M4 Andrea Misceo (Triathlon Taranto) - M5 NIcolo DIbello (AT.Monopoli) - M6 Michele Di Pantaleo (Assi tri sport) - M7 Giuseppe Galizia (MSL).

Completata la gara di triathlon sprint è stata la volta della gara di paratriathlon.

Una ventina gli atleti provenienti da varie parti d'Italia, soprattutto dal nord. Su tutti spiccava il nome di Giovanni Achenza, medaglia di bronzo alle olimpiadi di Rio lo scorso anno, 

achenza 1

Ma tra le fila dei partecipanti vogliamo ricordare anche due atleti locali: Angelo Rammazzo ed Emilio Rocco Frisenda .

 

para 4

Alla premiazione ha preso parte il campione olimpico di Rio nel Paraciclismo Luca Mazzone, un ragazzo che in Puglia è stato un vero pioniere dello sport paralimpico. Anche lui veramente commosso per aver assistito ad una manifestazione che ha coinolto le forze migliori di questa città e che ha lanciato un messaggio forte alla nostra comunità.

Hanno  partecipato alla premiazione e  ne siamo loro grati il Presidente Fitri Luigi Bianchi, ed il nostro sindaco Antonio Decaro. 

Dobbiamo ringraziare Neil Mc Leod , responsabile nazionale del settore paralimpico. : “Con una tappa finale al sud Italia il Circuito IPS 2017 si chiude alla grande: 35 atleti coinvolti di 25 società diverse che hanno preso parte a 5 eventi in prestigiose location: Roma, Milano, Bari, Mergozzo, Romano di Lombardia. Un successo reso possibile grazie agli organizzatori che hanno voluto ancora una volta scommettere sulle potenzialità del Paratriathlon. Un circuito che ha visto tanto spettacolo e grandi sfide con classifiche rivoluzionate sino alla fine e che rappresenta un ulteriore passo in avanti per la promozione della disciplina nel nostro Paese”.

para 2

 

Vogliamo chiudere questo articolo dedicando quest'ultima foto a Marco Livrea , che tanto ha dato per questo evento, ed a tutti gli amici del CUS Bari, che hanno lavorato per realizzarlo.

Adesso ci sono tutte le premesse per fare della gara di Triathlon di Bari un evento nazionale che duri nel tempo, e che porti anche la gara di triathlon sprint ai livelli massimi italiani

cus