Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

trani premiazione

Mare, sole, sport, turismo e tanto divertimento, questo lo spettacolo del Triathlon entrato in scena domenica mattina  3 giugno, e che ha visto la Città di Trani fare da palcoscenico a una tra le più belle gare della Puglia scelta da oltre 190 triatleti, tra cui 15 donne, provenienti da tutta l’Italia.

L’evento interamente organizzato dal Team dei Triatleti della ASD Tommaso Assi, patrocinato dal Comune di Trani, dalla Lega Navale Italiana di Trani e dalla Fi.Tri. va ad arricchire il già variegato palmares di appuntamenti sportivi della città, sempre più meta di turismo sportivo che ha generato un grande indotto a favore delle molteplici attività ricettive della città.

 

La gara si è snodata  su un percorso cittadino, con la partenza presso il Lido Colonna, la frazione ciclistica articolata in due giri di 10 km, e la corsa finale lungo il lungomare cittadino, in un giro unico che ha attraversato la villa comunale. Un circuito sicuramente molto bello, a tratti affascinante. 
Dopo aver nuotato, pedalato e corso su un circuito cittadino che distraeva i concorrenti per la sua bellezza, il traguardo è stato tagliato per primo dall’atleta di Castellana Marcello Roncone della società OTRE’ Triathlon Team di Noci in 1h01’55”.
Prima donna tra tutte, rivelazione della multidisciplina, Serena Vecchione di Avellino,  che chiude la gara in 1h15’22” Sul podio sono saliti insieme a Marcello Roncone anche il comagno di squadra Michele Insalata secondo classificato e Christian Villazala Carton della ASD Nest terzo classificato.
A fare compagnia sul podio a Serena Vecchione, invece, Rossana Lo Vaglio (Basilicata Nuoto 2000) seconda classificata e Sabrina Manco (ASD Nest) terza classificata.

trani partenza

Presenti al Village  numerose Associazioni Sportive della città confluite per celebrare la Giornata Nazionale dello Sport che hanno svolto vere e proprie interessanti dimostrazioni delle loro discipline. Numerose anche le associazioni attive nel sociale quali APGD, In Giro col Diabete, ANIAD e We Love Insulina tutte associazioni che si occupano di insegnare alla collettività a riconoscere i sintomi del diabete nei bambini per evitare conseguenze gravi dovute ad una diagnosi. tardiva :
Ospite d’eccezione, a premiare i vinicitori, Luca Mazzone atleta paralimpico plurimedagliato nella handbike,  testimone  delle associazioni Oltre Sport e ZeroBarriere che si occupano del coinvolgimento delle persone disabili nello sport e dell' abbattimento delle barriere architettoniche anche nello contesto sportivo.
trani nuoto 2
Dopo la gara di triathlon vi è stata una entusiasmante prova di Duathlon dei ragazzi della scuola media Baldassare di Trani , tappa finale di un progetto PON dal nome “Corro Pedalo Corro”, che  cerca di coinvolgere, ispirare ed appassionare gli adolescenti, gli adulti di domani, ad un sano e corretto stile di vita .
Il merito dell’ottima riuscita della manifestazione, oltre che alla regia del Team della Tommaso Assi, va anche al Corpo di Polizia Municipale di Trani, a Trani Soccorso,all’Associazione Nazionale Polizia di Stato, O.E.R. Trani, Associazione nazionale Polizia Penitenziaria, GEPA e Misericordia Trani che hanno lavorato sinergicamente per assicurare assistenza e sicurezza lungo tutto il percorso.
Sicuramente dopo la nascita nella nostra città del Team di Triathlon avvenuto lo scorso anno, dopo gli innumerevoli consensi ricevuti da parte del movimento del Triathlon Regionale e anche dai cittadini non possiamo che sperare nella replica di questa kermesse ad alto profilo sportivo.

(Comunicato dell'organizzazione)


 A margine del commento voglio ricordare che il primo a portare il Triathlon a Trani è stato Francesco Arpa con la sua Società , la CC Nicolaus, al quale va dato il merito di aver creduto nel nostro sport organizzando sia le gara di Trani che quella di Bari, entrambe poi ereditate da altre società., e di essere stato quindi un pioniere del nostro movimento,probabilmente senza le sue gare non si sarebbero raggiunti poi i risultati che abbiamo ottenuto in seguito.

Claudio Meliota