Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

tr.coni 2

Si è svolta in varie sedi della provincia di Crotone, dal 26 al 28 ottobre la finale della sesta edizione del Trofeo Coni.

Il Trofeo CONI Kinder+Sport è una manifestazione multi sportiva rivolta ai ragazzi under 14 tesserati presso le Associazioni Sportive e Società Sportive, iscritte al Registro Nazionale del CONI

Una sorta di olimpiade per i più piccoli. 4000 tra atleti e tecnici, provenienti dalle qualifiche regionali svoltesi durante la primavera, hanno rappresentato nella propria disciplina la regione di appartenenza.

Anche il Triathlon ha visto le rappresentative di tutte le regioni sfidarsi in una gara a staffetta il mattino di sabato 28 settembre, sullo splendido lungomare di Crotone. Ogni squadra composta da 2 maschietti e 2 femminucce di 11 e 10 anni.

Nuoto in mare, bici e corsa sul lungomare, ogni frazionista ha completato tutte e tre le fasi prima di passare il testimone al compagno per la frazione successiva.

A vincere questa sesta edizione è stata l’Emilia Romagna che, dopo una gara molto combattuta, ha preceduto il Piemonte e Bolzano. È stata l’edizione più partecipata, tutti hanno gareggiato con entusiasmo, sano agonismo e correttezza.

tr.coni 1

La Puglia è stata rappresentata da Carola Ribatti (All Tri Sport Barletta), Matteo Pepe (Triathlon Taranto), Viola Pasca (Nest Lecce) e Giuseppe Pellegrino (Triathlon Taranto), guidati dal tecnico Fabio Leoni (Triathlon Taranto).

I ragazzi pugliesi, che erano la formazione più giovane con tre del 2009 e solo uno del 2008, si sono piazzati al 13° posto, dando davvero tutto quello che avevano. Il risultato è in linea con le edizioni precedenti e rispecchia lo strapotere delle regioni settentrionali, anche se il sognato 10° posto (sarebbe stato il miglior piazzamento di sempre), è stato alla portata quasi fino alla fine.

Si ritorna con la consapevolezza che c’è da rimboccarsi le maniche e continuare a lavorare.

Per i ragazzi è stata una esperienza unica ed irripetibile, vivere 4 giorni in un villaggio occupato di soli atleti e tecnici delle più svariate discipline sportive, provenienti da tutte le parti d’Italia è sembrato di essere davvero alle Olimpiadi

Fabio Leoni